Frutta e Verdura Esotica

MOSTRA/NASCONDI

Frutta e verdura esotica: quale mangiare e perché

Compra online su FruttaWeb frutta e verdura esotica di qualità, ti sarà recapitata comodamente a casa. Grazie a questo e-commerce riuscirai a trovare prodotti sanissimi e freschi da poter gustare come snack o in speciali ricette. Prosegui nella lettura per scoprire i migliori agrumi e le migliori verdure esotiche da acquistare. Le loro proprietà benefiche e le loro possibilità in cucina vi stupiranno!

Perché la frutta e verdura esotica fa bene

Non è un luogo comune, né una moda del momento, ma una verità conclamata: la frutta fa bene e, in alcuni casi, quando proviene da paesi lontani, presenta opportunità nutritive di cui le varietà cui siamo abituati sono sprovviste. L’elenco della frutta esotica è sterminato: si pensi all’ananas e al cocco, al passion fruit, ma anche ai più conosciuti mango e papaya; ognuno di questi vegetali è un concentrato di vitamine e sostanze nutritive presenti in percentuali elevatissime rispetto alle comuni varietà del nostro territorio (anch’esse spesso importate dall’estero) quali le arance, ad esempio, ritenute da sempre molto salutari per l’alto contenuto di vitamina C.

Il problema si presenta al momento della scelta. Infatti, le varietà esotiche presentano alcune controindicazioni, legate principalmente ai costi di importazione, al trasporto in particolare, che rendono alcune varietà particolarmente costose. Inoltre, non c’è un’informazione adeguata su alcuni alimenti, a riguardo dei quali circolano spesso voci non sempre veritiere, magari sponsorizzate da riviste legate al mondo della moda o settori completamente diversi da quello di interesse!

Quali prodotti scegliere

Partiamo dal presupposto che le varietà presenti sul mercato non sono tutte quelle esistenti. A causa della scarsa domanda di alcuni prodotti o della lontananza della coltivazione, solo alcune varietà arrivano sui banchi dei nostri supermercati. Le specie che riescono comunque a oltrepassare le nostre frontiere sono numerose e la scelta è piuttosto ampia e non sempre semplice, soprattutto perché alle volte non si tratta di frutta esotica, ma di varietà coltivate nel nostro paese (sebbene originarie di altre località del pianeta) e poi spacciata per esotica. Per non essere depistati, cercate qualche indizio utile. Leggete bene i cartellini, ad esempio, che oltre alla provenienza, dovrebbero riportare alcune date relative il raccolto del frutto in questione, oppure, se preferite, domandate agli addetti di cui abbiate un minimo di fiducia.

Ananas, proprietà e benefici

L’ananas, per quanto si presente ormai da anni nei nostri mercati, non è un prodotto italiano. Oggi ne esistono coltivazioni in molti paesi del mondo, anche e i maggiori esportatori rimangono le realtà dell’America latina. Questo frutto dal sapore dolciastro è ricco, anzi straricco, di vitamine e antiossidanti, essenziali nella lotta all’invecchiamento cellulare e al contrasto della formazione di masse tumorali. Anche la presenza di fibre è significativa per la regolarità intestinale, tuttavia l’ananas ha una proprietà specifica legata alla presenza di un enzima proteolitico la bromelina, particolarmente efficace nella scomposizione di alimenti proteici (si pensi alla carne) e, quindi, indicato per coloro che sono tenuti a sostenere una dieta ipocalorica. A causa della forte acidità contenuta nel suo succo, bisogna consumarne quantitativi ridotti in casi di infiammazioni conclamate allo stomaco o al fegato.

Avocado: proprietà e benefici

L’avocado è un frutto quasi prodigioso. Edibile al 100%, persino il suo seme è commestibile, contiene un concentrato di sostanze antiossidanti, come si riscontrano in solo qualche altro frutto al mondo. SI parla principalmente di vitamina E, tanto che il suo estratto è impiegato nell’industria cosmetica e in quella parafarmaceutica per la realizzazione di preparati nutritivi della pelle e dei capelli. Alcuni medici lo consigliano alle donne in stato di gravidanza, perché è un alimento altamente nutritivo e rigenerativo all’interno del quale si trovano numerose sostanze utili al nostro organismo e in proporzione fibre e calorie, insomma tutto il necessario per una crescita sana del bambino. E’ particolarmente indicato per coloro che soffrono di disturbi cardiovascolari o ipertensione. Nei paesi di origine è uno dei prodotti più diffusi sulle tavole e consumato dalle popolazioni locali proprio grazie alle proprietà sazianti e al basso costo di mercato.

Il mais e le sue varietà

Il mais non è proprio un frutto esotico, ma di sicuro un vegetale esotico, forse uno dei più diffusi al mondo. Girano voci poco veritiere sul mais che lo ritrarrebbero come un prodotto altamente calorico. Il mito va sfatato subito, chiarendo che non è tanto il mais quanto le sue preparazioni e le tecniche di conservazione a renderlo un alimento calorico. La sostanza, ad esempio, contenuta nei comuni barattoli di mais, è a base di amido (che è uno zucchero!) il che lascia presumere che poi i chicchi si impregnino di tale sostanza aumentando il proprio coefficiente calorico. A ogni modo, vi stupirà sapere che esistono almeno una decina di varietà di mais, questo vegetale è coltivato da secoli in entrambi gli emisferi terrestri, ma sulle nostre tavole per ragioni commerciali arriva solo quello giallo o, più raramente, quello bianco. Basta fare un salto in rete per scoprire altre varietà dai colori sorprendenti, ad esempio quella nera, o la verde, persino perlacea e dalle tonalità azzurrine. In generale si può dire che il mais è, invece, un ottimo alimento e, se ben inserito all’interno di una dieta, offre delle opportunità nutritive significative, soprattutto sotto il profilo dei Sali minerali e degli oligoelementi presenti nelle fibre e nei tessuti.

Altri frutti e verdure esotiche

Se volessimo fare un elenco di tutti i frutti e delle verdure esotiche offerti da madre natura impiegheremmo forse qualche decina di pagine, per cui preferiamo indicarvi solo alcune varietà particolarmente significative: il mango, ad esempio, è un prodotto gustoso e nutriente, dal prezzo accessibile e molto comodo in cucina, se siete avvezzi alle preparazioni agrodolci. Un’altra varietà interessante è il bananito, fratello minore della comune banana, ma decisamente più dolce. Il mandarino cinese è invece consigliato per l’apporto vitaminico e la consistenza fibrosa. Lo stesso vale a dirsi per i loti e i cachi, che, sebbene molto calorici, sono molto consigliati a coloro che soffrono di disturbi intestinali o fastidi legati alla digestione. Insomma, c’è solo da scegliere!

Filtri attivi