Legumi

MOSTRA/NASCONDI

Legumi: cosa non può mancare nella vostra alimentazione

Stanco dei soliti piatti? Oggi FruttaWeb ti consiglia un’alternativa alla solita carne per un pasto sano e leggero ricco di tutte le proprietà indispensabili per affrontare la giornata. Un piatto ricco di proteine e povero di glutine, che potrà essere consumato anche dai celiaci. Inoltre grazie all’e-commerce presente sul sito di FruttaWeb potrete averli comodamente a casa vostra con un semplice click! E' davvero facilissimo: basta leggere tra le numerosissime schede prodotto per selezionare l'ingrediente più adatto alla tua creatività culinaria e successivamente ordinarlo anche stando comodamente seduti sul divano del soggiorno. FruttaWeb è la soluzione ideale per chi ha voglia di piatti alternativi e gustosi, garantendo sempre un'ottima qualità, prodotti freschi e assolutamente salutari.

Caratteristiche e proprietà benefiche dei legumi

I legumi sono l’alimento più sano e completo che la natura offre all’uomo. Essi, rispetto ai cereali raffinati e ai loro derivati farinacei, apportano all’organismo più proteine, più potassio, più ferro, più calcio, più fosforo, più tiamina, più niacina, più riboflavina, più fibra alimentare, meno carboidrati e soprattutto non contengono glutine, caratteristica molto importante oggigiorno, vista la grande quantità di celiaci.

L’energia introdotta deriva specialmente dai carboidrati presenti nei legumi: hanno un indice glicemico moderato, grazie anche alla presenza abbondante della fibra alimentare. Il quantitativo energetico varie e va dalle 40 kcal /100 g delle fave alle 115 kcal /100 g dei lupini.

I sali minerali svolgono un ruolo essenziale e sono presenti in ingenti quantità, vi è abbondanza di potassio, ferro e fosforo. Sono perciò consigliati in particolare alle donne in stato di gravidanza, che dovrebbero assumere una buona dose di ferro giornaliera. Anche le vitamine non mancano, vi è la tiamina (B19, la niacina (PP), l’acido folico e la biotina (H).

Si tratta di un alimento veramente sano, esso apporta molti benefici all’organismo umano. In primo luogo con l’assunzione di legumi si ottiene una riduzione notevole dell’assorbimento del colesterolo. Questo perché le saponine (glicosidi) e la lectina (steroide vegetale) agiscono sulle molecole grasse esogene e anche sulle endogene escrete nell’intestino tramite la bile. Senza contare l’effetto estremamente benefico metabolico. Ottimi quindi per il controllo la glicemia, prevenire e curare dislipidemie, il tumore al colon e la stitichezza.

Tra gli effetti collaterali, in particolare stiamo parlando del meteorismo e della flatulenza. Questo perché vi è una fermentazione batterica che crea dunque del metano, che in piccola parte viene assorbito, ma per lo più espulso. Questo procedimento, tuttavia, sembra avere dei risvolti positivi: infatti favorisce la riduzione dei composti cancerogeni, abbassando quindi i rischi di un ipotetico tumore al colon.

Un modo per limitare o evitare gli effetti collaterali sopra citati è setacciare i legumi, prima ben cotti, attraverso un passaverdura (non bisogna frullarli), togliendone la buccia.

I legumi possiedono però anche delle funzioni anti-nutrizionali: antitriptica e atiamilasica, ma cosa significa? Si assiste a una riduzione dell’efficacia digestiva verso le proteine e verso gli amidi durante la digestione dei legumi. Quindi sconsigliamo vivamente di assumerne porzioni troppo abbondanti e soprattutto una dieta sana richiederebbe di essere completata grazie all’assunzione di grosse quantità di alimenti assai proteici.

Quali non possono mancare in cucina

In passato i legumi erano un alimento molto importante nelle diete e non mancavano mai, specialmente nelle famigli povere proprio perché essi costavano molto poco e riuscivano comunque a dare un apporto nutrizionale consistente. I legumi erano considerati la carne dei poveri, ed erano un ingrediente essenziale per molti piatti, come la pasta e fagioli o le lenticchie in umido. Infatti questo alimento dà un apporto proteico da non sottovalutare, e sotto tanti punti di vista è anche più sano della carne, esso evita i grassi saturi e comunque offre tutti gli amminoacidi essenziali. Questi sono i motivi per cui vanno assolutamente riscoperti, i legumi devono tornare nelle diete quotidiane degli italiani.

Le persone devono tornare a mangiare alimenti naturali, offerti direttamente dalla natura, ricominciando ad assumerne a piccole dosi, così da non gonfiare troppo l’organismo. Basta solamente un cucchiaio di fagioli a ogni pasto per essere sicuri di mangiare sano.

Inoltre esiste una quantità infinita di legumi, ad esempio solamente di lenticchie ne esistono 200 varietà, estremamente versatili nell’impiego in cucina, e ottime per le proprietà contenute.

Varietà dei fagioli

Tra le varietà di fagioli più conosciuti troviamo i fagioli toscani che sono caratterizzate da una forma rotondeggiante, sotto la quale pellicola, hanno una polpa carnosa e gustosa, ottimi per essere consumati da soli o in passato. Una consistenza delicata invece è propria dei fagioli rossi, tipicamente messicani, e utilizzabili per zuppe e puree. Arrivano dall’America invece i fagioli Lima e quelli neri, gli uni con un gusto molto intenso, gli altri ricchi di fibre e Sali minerali e vitamine. Ricordiamo inoltre i fagioli Azuki, i bianchi di Spagna, i fagioli dell’occhio, i fagioli cannellini e i fagioli borlotti.

Varietà delle lenticchie

Anche le lenticchie vantano una varietà incredibile: circa 200 varietà. Da quelle canadesi a quelle chiamate Puy provenienti dalla Francia, a quelle egiziane, tipicamente rosse a quelle spagnole tendenti al giallo. Anche l’Italia è una produttrice eccellente di questo legume, tanto che nonostante la limitata produzione vanta indubbiamente la qualità migliore. In Umbria molteplici le varietà, tra cui quelle di Colfiorito e quelle di Castelluccio, marchio IGP. Le lenticchie dei Papi sono di Viterbo, di Rieti è il Rascino, le lenticchie di Altamura e Villalba riconosciute per la grandezza, infine le lenticchie nere Leonforte che sono indubbiamente le più pregiate.

Lupini

I lupini vantano una storia antichissima, utilizzati per i più disparati lavori, dalla coltivazione del terreno all’alimentazione umana e animale, conoscono tre varietà essenziali: bianco, blu, giallo. Oggigiorno sono stati rivalutati per il loro contenuto altamente proteico e per la scarsa presenza di glutine.

Soia

Di origine orientale, la soia è stata introdotta nella cucina occidentale con grande successo. Le varietà più conosciute sono gialla, verde, nera e rossa. La soia verde, sarebbe la gialla raccolta prima della maturazione. Quest’ultima è poco utilizzata per i tempi di cottura troppo estesi. La varietà nera ha effetti ottimali per reni e milza. Inoltre generalmente la soia viene utilizzata nei suoi derivati. Si pensi ai germogli di soia, piuttosto che alla salsa di soia, che principalmente nella cucina orientale, ma ormai anche in quella occidentale è applicata come condimento su ogni piatto.

Varietà dei piselli

I piselli vengono classificati in base alla pianta. Se rampicante, se nana oppure a mezza rama. Tra i piselli rampicanti più conosciuti troviamo: San Cristoforo, alderman, lavagna, vittoria, espresso generoso. Tra le varietà nane troviamo il Porgress n.9, Gloria di Quinper, il dolce di Provenza e il piccolo provenzale, meraviglie di Kelvedon e l’Annonay. Infine, a mezza rama troviamo il Senatore, Lincol, S.Croce napoletano, Superbo di Laxton, Rondo.

Ci scusiamo per l'inconveniente.

Prova a fare nuovamente la ricerca

Cerca
close

Quale prodotto stai cercando?