fbpx
 In Antiossidante, Approfondimenti, Bellezza, Benessere anziani, Benessere bambini, Benessere donna, Benessere mamme, Benessere uomo, Cibi dal mondo, Curiosità, Disintossicante, Drenante, Lassativa, Proprietà di frutta e verdura, Salute e benessere

La vera filosofia del mondo vegan

L’alimentazione vegana non nasce con lo scopo di contraddire a prescindere l’alimentazione conosciuta e seguita fino ad oggi, è semplicemente la conseguenza di una maggior consapevolezza dei valori nutrizionali e controindicazioni di alimenti come la carne o altri derivati animali.

Prima di trattare determinati argomenti è necessario fare una premessa. Bisogna essere predisposti ad informarsi in modo accurato e mangiare con coscienza ed equilibrio nel rispetto del proprio corpo.

L’intenzione non è infatti quella di seguire una motivazione esclusivamente etica ma anche nutrizionale. Uno degli argomenti maggiormente discussi riguardo questo regime alimentare è il rischio dell’eliminazione dell’assunzione di carne.

Per spiegare meglio questa scelta è necessario descrivere la natura di questo alimento.

Ridurre la carne

Benefici e controindicazioni

Tutti sappiamo che la carne, in particolare quella rossa, è una grande fonte di proteine di facile assorbimento e completa di amminoacidi e vari minerali come il ferro, sodio, potassio e zinco.
Purtroppo è anche molto dannosa per il nostro organismo. Questa infatti è carica di grassi saturi (la quantità varia in base a diversi parametri come la qualità, specie, età..ecc) che ostruiscono il normale funzionamento dell’apparato cardio-circolatorio. Inoltre è associata a un maggior rischio di pericoli inerenti l’incidenza tumorale dello stomaco e intestino.

Un altro fattore nocivo è la produzione di acido urico. Questo si forma tramite il catabulismo delle purine, parti integranti di acidi nucleici che il nostro organismo fa fatica a sintetizzare. L’ acido porta difficoltà e accumuli soprattutto ai reni e, nei casi più estremi, si dice che possa anche portare gravi disturbi come la nefrite cronica che è un’infiammazione dei reni.

Sarebbero più salutari gli acidi grassi insaturi presenti soprattutto nel pesce e carne magra, come nel pollo o tacchino, se non fosse che quest’ultimi provengono per la maggior parte dei casi da animali di allevamento intensivo, alimentati con mangimi di scarsa qualità o addirittura compromessi da ormoni e antibiotici che andiamo a ingerire una volta arrivati sulle nostre tavole.

gli effetti dell carne nel mondo

Uno dei dati più sconcertanti però è quello correlato al consumo prolungato di carne con un aumentato rischio cancerogeno: la carne infatti è fonte di diversi cancerogeni: le ammine eterocicliche e gli idrocarburi aromatici policiclici che sono due gruppi di composti che si formano durante la cottura della carne ad alta temperatura e i cosiddetti nitro-composti alimentati anche dal ferro contenuto nella carne.

Come ultimo punto ma non per questo meno rilevante è il fatto che la carne, indipendentemente dalla tipologia, rientra tra gli alimenti a più alto contenuto di colesterolo. Per questo motivo è rigorosamente sconsigliata in quanto la sua assunzione può essere strettamente legata a disfunzioni riguardo il sistema cardiocircolatorio. E’ constatato infatti che elevati livelli di questa sostanza nel sangue possono indurre a patologie quali infarto, ictus e arteriosclerosi. Esistono alcuni rimedi naturali o, meglio definirli, precauzioni per tali problematiche. I cibi più significativi sono quelli ricchi di vitamine antiossidanti (vitamina A, C e Ee sono: limoni, mandorle, cereali integrali, legumi, frutta e verdura fresca di stagione. All’apice della classifica troviamo gli agrumi, in particolare il bergamotto che è un vero e proprio concentrato di antiossidanti, minerali e vitamine C, B1 e B2 che diminuisce il livello alto di glucosio nel sangue.

Acquista Online Succo di Bergamotto di Calabria su FruttaWeb.com

Proprietà nutritive nell’alimentazione vegana

Quali sono e dove trovarle

La domanda dunque sorge spontanea: dove possiamo ricavare le proteine se non da alimenti di origine animale?

Fortunatamente le proteine possiamo trovarle, in quantità variabile, anche in alimenti di origine vegetale quali legumi, cereali, frutta secca o semi e in moderata quantità anche in frutta e verdura.

L’unico dubbio sorge sulla quantità e tipologia delle proteine presenti. In alcuni casi sono carenti di uno o più amminoacidi essenziali ma è sufficiente conoscere bene le proprietà e i valori nutrizionali dei cibi per assumerli al meglio e seguire un’alimentazione bilanciata durante l’arco della giornata cercando di compensare il consumo di energia giornaliero.

Per di più le proteine di origine vegetale sono costituite di fibre che sostengono il nostro apparato gastrointestinale, apportano diversi antiossidanti, sono prive di colesterolo e contengono una moderata cifra di acidi grassi contribuendo a prevenire patologie cardiovascolari, diabete e alcuni tumori.

Vi elenchiamo alcuni degli alimenti più indicati contenenti proteine:

  • cereali (orzo, farro, miglio..ecc) elementi dotati di un discreto contenuto proteico da includere spesso, se non in ogni pasto, variandone la specie, qualità e quantità. Molto indicati sono anche gli pseudo cereali oggi conosciuti come il grano saraceno, la quinoa o l’amaranto.
  • legumi (ceci, lenticchie, soia, fagioli), considerati la miglior fonte di proteine vegetale tanto da essere consigliati. Il legume a più alto contenuto proteico è senza dubbio la soia gialla (30-35%) così come lo sono alcuni derivati come il tofu e il tempeh costituiti anche da un moderato contenuto di carboidrati e diversi grassi polinsaturi.
  • semi, elementi dotati di un discreto contenuto di proteine e tanti grassi. Le tipologie più conosciute e facilmente reperibili sono: semi di canapa decorticati, semi di anice, semi di chia, semi di girasole, semi di finocchio, semi di papavero o semi di sesamo.
  • frutta secca, estremamente ricca di grassi ma anche di proteine (un contenuto che va dal 15% al 30%). E’ sempre consigliata l’assunzione di un pugno di frutta secca al giorno cercando di variare il più possibile per contribuire ad assumere la giusta dose proteica giornaliera. Le varietà più consumate e facili da sgranocchiare in qualsiasi momento della giornata sono: pistacchi, pinoli, mandorle naturali o anacardi. Quest’ultimi in realtà sono considerati anche come legumi, infatti sono dotati in modo specifico di proteine (circa 20 anacardi apportano 5 g di proteine)

Acquista Online Frutta e Verdura con un Click su FruttaWeb.com

Inoltre, per garantire sostentamento ed energia, esistono in natura frutti dotati di diverse qualità benefiche conosciuti come superfood. Grazie alle diverse qualità benefiche, questi contribuiscono a mantenere in salute ed equilibrio il nostro corpo, garantendo giovamento all’organismo umano e depurandolo da sostanze nocive. Ecco qui alcuni dei super alimenti più indicati: bacche di Acaj, mirtilli, melograno, barbabietola o anche frutta esotica come la graviola e la pitaya. Questi prodotti, se combinati in modo adeguato con gli alimenti proteici prima descritti rappresentano un pasto completo per garantire salute e benessere al tuo corpo.

Scopri tutti i Superfood Naturali: Scopri proprietà benefici e utilizzi in cucina

La vitamina B12 nell’alimentazione vegana

Come e dove trovarla

Riguardo la tanto discussa questione della vitamina B12 è necessario chiarire dove e come si recupera per fare in modo di seguire una dieta equilibrata e completa.

Questa vitamina, indispensabile per la sintesi degli acidi nucleici e il metabolismo di proteine e lipidi, è prodotta in natura solo ed esclusivamente da microrganismi quali funghi, batteri e alghe. Dunque non è prodotta nè da animali nè da piante ma semplicemente è reperibile in parte dalla contaminazione microbica del cibo, ovvero da quei organismi che si nutrono di acqua e vegetali o altri animali contaminati da questi microrganismi. Dall’altra parte è ricavata dalla sintesi di batteri intestinali. Possono fare eccezione alcuni animali erbivori come i conigli o ruminanti che sintetizzano questa vitamina tramite i batteri che possiedono in uno dei pre-stomaci, poi sono in grado di assimilarla durante la digestione.

Scopri tutti gli integratori naturali e proteine vegetali in polvere: Acquista Online su FruttaWeb.com

Per coloro che seguono un’alimentazione vegana è necessario assumere integratori di B12 che è l’equivalente di quello che si trova in natura prodotta dai batteri. La differenza sta nel fatto che viene prodotta in stabilimenti dove questi batteri vengono coltivati su un substrato di carboidrati piuttosto che assumerla ingerendo alimenti animali. L’innaturalità della cosa non è prendere un integratore ma riguarda il tipo di cibo che ingeriamo. L’assurdità sta nel fatto che oggi le condizioni di allevamento sono così innaturali che anche agli animali vengono spesso somministrati integratori di B12.

Grazie a Fruttaweb hai la possibilità di disporre di più di 1300 varietà di prodotti di qualità per seguire un’alimentazione vegana varia e completa. Gli alimenti proposti sono per tutti coloro che ci tengono a seguire uno stile di vita sano nel rispetto del proprio corpo e dell’ambiente circostante.

Acquista Online Frutta e Verdura con un Click su FruttaWeb.com

Commenti da Facebook

Post suggeriti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca