In Approfondimenti, Approfondimenti vari, Curiosità, Ricette

Il nocino

Il nocino è un liquore tradizionale tipico del modenese, ma diffuso in tutta Italia. Si ottiene dal mallo, cioè la buccia della noce, messa in infusione in alcool.

Il nocino deve essere bruno scuro, denso e con un forte aroma di noci.

L’utilizzo ideale è come digestivo alla fine del pasto, sia a temperatura ambiente che con il ghiaccio. Alcuni lo usano col parmigiano reggiano o su alcuni dolci, come il gelato.

La tradizione

Secondo la tradizione, le noci che servono a prepararlo, devono essere colte ancora acerbe nella notte di San Giovanni (24 giugno), cioè la notte più corta dell’anno in cui la luce vince le tenebre. La raccolta deve essere effettuata dalla donna più esperta nella preparazione, che, scalza, si deve arrampicare sull’albero e prendere con le mani le noci migliori, senza rovinare il mallo e, soprattutto, senza usare strumenti metallici che possono far ossidare le noci, compromettendo la riuscita del liquore. Le noci, dopo la raccolta, vanno lasciate riposare tutta la notte, prima di passare alla realizzazione del nocino. Questo liquore secondo la tradizione doveva essere pronto la notte del trentuno di ottobre.

Come si fa il nocino modenese? La ricetta dell’Ordine del Nocino Modenese

Ingredienti

  • 1 litro di alcool 95°
  • 1000-1200 gr di zucchero
  • 1000-1200 gr di noci

(33-35 noci circa a seconda della dimensione ma sempre in numero dispari)

Le noci devono essere rigorosamente di provenienza locale e prive di qualsiasi trattamento.

Esse inoltre devono essere, così come indica la tradizione, raccolte nel periodo a cavallo della festività di S. Giovanni battista.

La giusta consistenza della noce va valutata forandola con uno spillo e/o verificata visivamente spaccandola a metà con un coltello.

Facoltativi:

Chiodi di garofano e cannella

in minime quantità e dosati in modo tale che l’aroma prevalente nel liquore sia sempre quello della noce e che il bouquet complessivo che si crea risulti armonioso.

Procedimento

  1. Le noci, una volta raccolte, devono essere tagliate in 4 parti e riposte in un contenitore di vetro (privo di guarnizioni di gomma) insieme allo zucchero.
  2. Dopo averle conservate al sole per 1-2 giorni e mescolate periodicamente, le noci sono pronte per essere addizionate dell’alcool e degli eventuali aromi.
  3. Il prodotto così ottenuto dovrà essere posizionato in una zona parzialmente esposta al sole, saltuariamente aperto e rimescolato, e filtrato non prima di 60 giorni.
  4. Si consiglia di effettuare l’imbottigliamento in contenitori di vetro scuri e/o affinare il prodotto in botticelle di legno.
  5. E’ possibile scegliere sia legno di rovere che di castagno a condizione che la botticella sia stata adeguatamente trattata prima dell’utilizzo.
  6. La conservazione del nocino deve essere effettuata in un luogo fresco e per un tempo minimo di 12 mesi se si desidera apprezzare a pieno tutte le caratteristiche organolettiche di questo liquore.

acquista online oltre 50 varietà di frutta secca

 

 

Commenti da Facebook

Post recenti
%MINIFYHTML69e1bee01a331301c8dd652a5895c48416%

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca