In Approfondimenti, Ricette

La scarola è una varietà di indivia appartenente alla famiglia delle Composite. Caratterizzata dal tipico sapore amarognolo, presenta un cespo aperto di colore verde che nel centro vira al giallo. In base alle foglie distinguiamo due tipi di scarola:

  • La scarola riccia: con polpa succosa e croccante, rientra principalmente nelle produzioni autunno-invernali. Il cespo a rosetta è caratterizzato da foglie verdi più o meno scure e allungate, con margine intero o dentato e una nervatura marcata di colore bianco.
  • La scarola liscia: è un’insalata a ciclo invernale caratterizzata da foglie verdi che, al contrario della riccia, non sono frastagliate. L’indivia riccia presenta inoltre varietà precoci, come ad esempio la Mantovana, e tardive.

Pizza di Scarola: due varianti della ricetta della tradizione napoletana

Oltre al delizioso gusto e le numerose ricette con scarola, quest’ultima è nota anche per le sue particolari proprietà. Nel dettaglio presenta un ottimo contenuto di vitamine. La vitamina A, ad esempio,  è molto importante per il sistema immunitario in quanto aumenta la resistenza alle infezioni. La C invece è un ottimo antiossidante e aiuta a proteggerci dai malanni delle stagioni fredde.  Infine la vitamina K si occupa del benessere delle nostre ossa e della coagulazione del sangue. I sali minerali contenuti come ferro e manganese stimolano gli enzimi per il corretto funzionamento della digestione. Le fibre invece  conferiscono proprietà sazianti, prevengono la stitichezza e abbassano il colesterolo cattivo LDL. Infine la scarola si contraddistingue per il basso contenuto calorico, il che evidenzia le sue proprietà dimagranti.

Scarola in cucina

La scarola è ottima se consumata cruda nell’insalata ma non solo. Anche cotta, ad esempio è un ottimo ingrediente e spunto per tantissime altre ricette. Le foglie possono essere passate in padella con olive e aglio. La facilissima ricetta scarole con scarola cotta, infatti, prevede che, una volta mondata, la verdura venga messa in padella con un po’ d’aglio e un filo d’olio. Dopo alcuni minuti unite le olive e lasciate cuocere una ventina di minuti. Passato questo tempo la vostra scarola sarà pronta.

La cottura in padella, però, non è l’unico modo con cui gustare questa fantastica verdura. Una preparazione, e quindi una ricetta che contraddistingue questa varietà d’indivia, è la fantastica pizza di scarola, vero must della cucina partenopea e più in generale campana.

Pizza di scarola

La pizza di scarola napoletana è un tipico piatto consumato nella Vigilia di Natale. Il ripieno può essere stufato o sbollentato, e condito con olive o capperi. Vera specialità, la pizza ripiena di scarola ha conquistato tutti e ovviamente può essere gustata tutto l’anno.

Ingredienti per 4 persone:

Per l’impasto

  • farina 00 700 g
  • acqua 500ml
  • lievito di birra 4 g
  • sale 20g

Per il ripieno

  • scarola riccia 100 g
  • olive snocciolate 60 g
  • capperi 20 g
  • filetti di acciughe 10 g
  • olio evo 10 g

Per la preparazione di questa deliziosa ricetta napoletana della pizza di scarola, cominciate sciogliendo il lievito fresco in un po’ d’acqua a temperatura ambiente. Mentre lasciate attivare il lievito disponete, nella classica forma a fontanella, circa 150 g di farina sulla spianatoia e successivamente iniziate a versare il resto  dell’acqua. Unite quindi il sale e, una volta sciolto completamente, cominciate ad impastare amalgamando l’acqua e la farina. Quando la farina si sarà mescolata con l’acqua aggiungete il lievito sciolto e la restante farina per poter dare forma all’impasto. Lavorate stando attenti che l’impasto non sia né troppo asciutto né troppo umido. Regolate quindi con altra farina o altra acqua.

Dopo aver lavorato l’impasto per circa 15 minuti e aver verificato la consistenza, dategli la classica forma a panetto. Quindi ponetelo in un contenitore abbastanza grande e fatelo lievitare coprendolo con un canovaccio umido. Per una buona lievitazione ci vorranno circa 4 ore e il contenitore dovrà essere lontano da correnti aria, in un posto fresco e asciutto. Passate queste ore l’impasto avrà aumentato il proprio volume e sarà quindi ben lievitato. Spostate la massa sul piano lavoro e dividetela in due panetti spolverandola con della farina. Trasferite i panetti in due ciotole e lasciate riposare per altre 2 ore.

Adesso potrete dedicarvi al ripieno. Dopo aver acceso il forno, occupatevi della scarola tagliando la parte più morbida. Lavatela ed asciugatela ed infine sciacquate anche i capperi per privarli del sale in eccesso. Quindi, dopo aver ripreso i due panetti, stendeteli sul piano lavoro aiutandovi con la farina. Svolgete questa operazione con cura stando attenti ad ottenere due dischi delle stessa misura. Sul primo disco versate metà scarola con capperi, olive snocciolate e un giro d’olio. Completate la farcita con le acciughe ed infine il resto della scarola a coprire. Ricordate di lasciare sempre un po’ di bordo per la copertura. Dopo la farcita, infatti, disponete il secondo disco unendo le estremità dei due impasti.

Sarete ora pronti per trasferire la pizza con scarola su una teglia. Prima di infornare spennellate leggermente la superficie della pizza con dell’olio evo. Quindi cuocete a 250° per circa 15 minuti. Trascorso questo breve tempo la vostra pizza scarola sarà pronta e potrete finalmente servirla.

Ricordate che, se non consumata subito, la pizza, può essere conservata per 1-2 giorni oppure congelata una volta fredda.

pizza scarola

Pizza di Pasta Sfoglia con Scarola

Tra le ricette della pizza di scarola, questa con pasta sfoglia, è sicuramente la facile e veloce. Non sarete costretti a preparare un impasto ed aspettare i tempi di lievitazione, ma potrete facilmente farcire la sfoglia già pronta. Ideale per pranzi o cene al volo ma anche uscite con pranzo al sacco, la pizza di pasta sfoglia, è un ottimo compromesso tra gusto e semplicità. L’aroma e il gusto della scarola infatti non vi faranno pentire di questa deliziosa e semplice ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

  • pasta sfoglia
  • scarola 100 g
  • capperi 50 g
  • aglio 2 spicchi
  • sale, peperoncino e olio evo q.b.
  • olive snocciolate 100 g
  • pinoli 30 g

Cominciate disponendo la pasta sfoglia su una teglia rotonda con carta forno. Prima di occuparvi della farcitura dovrete aumentare le dimensione della pasta aiutandovi con un matterello. La sfoglia dovrà essere circa il doppio della teglia in quanto, la pasta in eccesso, servirà per la copertura.

Passate ora alla scarola lavandola e privandola delle parti dure. Fate soffriggere in un padella con l’ olio e l’aglio . Dopo averli fatti saltare per alcuni minuti, aggiungete la scarola tagliata a pezzi. Unite sale e peperoncino e fate cuocere per circa 10 minuti. Quando  sarà appassita unite i capperi e le olive e lasciate cuocere per altri 10 minuti. Prima di spegnere il fuoco versate i pinoli ed infine lasciate raffreddare.

Quando il composto sarà pronto potrete versarlo sulla sfoglia, stando attenti a lasciare 1-2 cm per il bordo. Dopo averlo steso uniformemente tagliate tutti la sfoglia in eccesso. Rimpastate, stendete nuovamente e tagliate delle strisce. Formate con le strisce una rete sulla sfoglia ed infornate per 30 minuti a 180°. La vostra pizza di scarole sarà quindi pronta per essere gustata.

Buon appetito!

Commenti da Facebook

Post suggeriti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca