Foglie di Crescione Hippo Tops

Hippo Tops 200 pezzi
  • Hippo Tops 200 pezzi
  • Hippo Tops 200 pezzi
  • Hippo Tops 200 pezzi
  • Hippo Tops 200 pezzi

Foglie di Crescione Hippo Tops

400 pezzi
79,93 €
799,30 € al kg
Origine: Olanda
Produttore: Koppert Cress

Ricco di antiossidanti, di vitamina A, vitamine del gruppo B , folati alimentari, beta-carotene, luteina e zeaxantina fanno che rendono il crescione  un rimedio naturale per combattere il processo di ossidazione e i radicali liberi.

Quantità
done Prodotto aggiunto con successo!

Foglie di crescione: proprietà, caratteristiche e utilizzi

Il crescione o Lepidium sativum o crescione inglese o crescione d’acqua è una pianta perenne sempreverde appartenente alla famiglia delle Crocifere come cavoli o rapanelli, facile da coltivare e dal sapore gradevole, cresce spontanea lungo i torrenti ed i corsi d’acqua. Conosciuto fin dall’epoca dei Persiani, il crescione è utilizzato ancora oggi in cucina per le sue proprietà salutari, benefiche e per il suo sapore aromatico molto apprezzato in cucina per la preparazione di insalate o per di zuppe, minestre, antipasti, purè e, nella cucina emiliano-romagnola, per cucinare gustose piadine.

Come riconoscere le foglie di crescione e modalità di conservazione

Il crescione è una pianta che cresce lungo le zone paludose, lungo fiumi, torrenti e corsi d’acqua, predilige un habitat piuttosto umidificato ed un terreno ben drenato; essendo una pianta perenne sempreverde ed acquatica, molto comune in Italia e nel resto dell’Europa, si distingue dalle altre colture vegetali per i suoi steli e fusti molto alti che possono raggiungere anche i 70 cm di altezza. Lo stelo del crescione è eretto fino a quando, in fase di maturazione, si piega inevitabilmente per la presenza della foglia aromatica dal colore verde scuro con riflessi brunastri, dalla peculiare forma ovale.

Le foglioline di crescione sono concentrate nella parte terminale dello stelo delle piante, hanno una consistenza cerosa e possono rinvenirsi ulteriori foglie lungo lo stelo ma si tratta di piccole foglie tondeggianti non ancora mature per la raccolta. La forma ovale ed il colore verde intenso con riflessi brunastri sono i caratteri peculiari per riconoscere le foglie di crescione. I margini delle foglie di crescione possono essere dentati o lisci. Le foglie di crescione devono essere conservate fresche e non essiccate, dato che perderebbero i valori nutrizionali di cui sono ricche ed il sapore aromatico verrebbe meno. Le foglie devono essere poste in sacchetti di plastica organica e conservati in frigo o in ambienti refrigerati.

Come viene coltivato il crescione

Il crescione cresce spontaneo lungo le rive dei fiumi e torrenti, essendo molto diffusa nel continente europeo, non è difficile reperirlo; tuttavia, è possibile anche seminarlo in giardino o in terreni privi di corso d’acqua ma, comunque, sempre ben drenati ed irrigati. Non essendo una coltura vegetale molto esigente, il crescione si adatta a numerose tipologie di terreno fertile o meno, con durezza variabile, argilloso, sabbioso, calcareo ma l’importante è che sia ben idratato. Essendo un ortaggio invernale, il crescione può essere coltivato senza problemi anche nelle zone collinari e montuose dato che ha una buona capacità di resistere al freddo e richiede temperature medie di circa 8-9˚C per germinare e giungere alla fase di maturazione. E’ possibile reperirlo tutto l’anno senza alcun problema e si può coltivare nei mesi di primavera, autunno ed inverno, evitando i mesi di calura estiva dato che non ama insolazioni e terreni aridi ed asciutti.

Per quanto concerne il periodo della semina, il crescione può essere inoculato nel terreno o nella terra del vaso da gennaio fino ai mesi di maggio-giugno e riprendere poi, dopo un periodo di riposo estivo, la semina nei mesi di settembre. Si deve seminare nel terreno ben distanziato a file, occorre tenere pulite le aiuole ed eliminare le erbacce spontanee in modo tale che non interferiscano con la crescita del crescione, il ciclo colturale e la germinazione avvengono in breve tempo.

L’unica nota rilevante per il buon successo della germinazione è la continua irrigazione di acqua. Per quanto concerne la fase di raccolta, il crescione deve essere raccolto ed estratto dal terreno recidendo con un paio di forbici le foglie, al pari di ogni altra forma di insalata; una volta raccolte le foglie di crescione, possono essere consumate fresche con altre insalate come lattuga, insalata gentilina, songino, pinzimonio, radicchio, blood’s bud oppure si può mettere sulla carne a modi di carpaccio o mescolare con formaggi freschi per la preparazione di tortini di verdura.

Quali sono le proprietà

Il crescione è da sempre conosciuto per le sue ottime proprietà benefiche e salutari nei confronti dell’organismo umano: uno studio ed una ricerca scientifica pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition ha validato i risultati che i fitonutrienti, come gli isotiocianati, contenuti in questa coltura aromatica sono in grado di prevenire e di combattere il rischio di insorgenza del tumore alla mammella ed all’apparato riproduttivo. La pianta di crescione è in grado di contrastare la modificazione del DNA umano e se, viene assunto dai fumatori, riduce il rischio dei danni cellulari e del cancro ai polmoni. La presenza di antiossidanti, di vitamina A, vitamine B1, B2, B3, B5, B6, vitamina C, E, e K, di folati alimentari, beta-carotene, luteina e zeaxantina fanno sì che il crescione sia un rimedio naturale per combattere il processo di ossidazione e i radicali liberi.

Per questo il crescione è una buona fonte naturale di antiossidanti in grado di contrastare l’insorgenza di rughe, segni del tempo, della vecchiaia, borse sotto gli occhi e preservare la compattezza e l’elasticità dell’epidermide e dei tessuti epiteliali. L’assunzione del crescione contrasta il rischio di insorgenza della tiroide, la presenza di folati aiuta a combattere la depressione ed il malumore e permettono la crescita sana e corretta del feto nelle donne in gravidanza. La presenza di acido folico, infatti, previene il rischio di insorgenza di malattie al sistema nervoso degli embrioni nell’utero materno. Uno studio ha dimostrato che il crescione previene l’insorgenza della cataratta e della degenerazione maculare grazie alla presenza di vitamina C.

Quali sono le origini del crescione

Conosciuto fin dai tempi dei Persiani, il crescione era assai diffuso anche in epoca latina, i Romani lo apprezzavano per le sue ottime proprietà salutari e per il suo sapore aromatico. Presso i Romani questa pianta erbacea era giudicata corroborante e afrodisiaca: Plinio credeva che il crescione rendesse più vivace la mente, e Petronio, nel Satyricon, ne faceva utilizzare il succo ad una sacerdotessa di Priapo, per ungere i genitali di Encolpio, colpito da impotenza.

Originario dell’Europa, il crescione lo possiamo reperire in tutta la penisola italiana dato che cresce spontaneamente lungo i corsi d’acqua e ad un’altitudine di 2500 metri. Dato che si nutre dell’acqua dei terreni, il crescione è uno degli ortaggi più controllati prima di essere commercializzato.

Che sapore ha il crescione

Il crescione è da sempre rinomato ed apprezzato per il suo sapore e gusto aromatico, piccante ed acidulo, le foglie fresche (non essicate) di questa pianta hanno un aroma che si distingue per le note intense e di spiccata personalità.

Il gusto piccante ed aromatico del crescione è conferito dalla presenza della gluconasturtiina; per questo deve essere consumato fresco e non cotto o essiccato.

Principali usi in cucina

Il crescione viene usato in cucina per preparare gustose insalate, è utilizzato per aromatizzare burri e formaggi freschi, per la preparazione di tartine, antipasti, zuppe, minestre, famosa è la vellutata di crescione dal gusto piccante ed aromatico, cotta con patate e panna a cucina, insaporita con olio extra vergine d’oliva e crostini di pane.

Famosa è la salsa di crescione per insaporire la carne o il pesce. Inoltre, nella cucina romagnola, il crescione è utilizzato per “imbottire” le piadine come erba aromatica da insaporire i salumi e formaggi. Anche Pascoli in una sua poesia lo sottolinea: "Azimo santo e povero dei mesti (...) che s'accompagna all'erbe agresti...".

Visualizza il certificato di fiducia
  • Per ulteriori informazioni sulla natura della verifica delle recensioni e sulla possibilità di contattare l'autore dell'opinione, consulta le nostre CGU.
  • Non è stato fornito nessun incentivo per queste recensioni
  • Le recensioni sono pubblicate e mantenute per un periodo di 5 anni
  • Le recensioni non possono essere modificate; se un cliente vuole modificare la sua recensione, deve contattare direttamente Recensioni Verificate, per far cancellare la precedente e scriverne una nuova
  • I motivi della cancellazione di una recensione sono disponibili qui.

5 /5

Basato su 1 recensioni cliente

  • 1
    0
  • 2
    0
  • 3
    0
  • 4
    0
  • 5
    1
Ordina recensioni per :

Fiora P. pubblicato il 26/03/2017 in seguito ad un ordine del 14/03/2017

5/5

ottimo

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

×