Pepino

Pepino il melone tropicale dell'Ecuador. Acquistalo online su FruttaWeb.com
  • Pepino il melone tropicale dell'Ecuador. Acquistalo online su FruttaWeb.com
  • Pepino il melone tropicale dell'Ecuador. Acquistalo online su FruttaWeb.com
  • Pepino il melone tropicale dell'Ecuador. Acquistalo online su FruttaWeb.com
  • Pepino il melone tropicale dell'Ecuador. Acquistalo online su FruttaWeb.com
  • Pepino il melone tropicale dell'Ecuador. Acquistalo online su FruttaWeb.com

Pepino

1 frutto
3,98 €
26,53 € al kg
Origine: Ecuador

Originario delle Ande, con un gusto sospeso tra melone e cetriolo, il pepino è un frutto ricco di acqua, fibre, potassio e vitamine: l'ideale se si segue una dieta, per i diabetici e per chi ha bisogno di abbassare il proprio livello di colesterolo.

Prodotto selezionato e spedito da Noi di FruttaWeb
Quantità
done Prodotto aggiunto con successo!

Pepino: proprietà, benefici, usi della pera-melone

Proprietà e benefici del frutto pepino

Originario delle Ande, dove è largamente coltivato, il pepino - detto anche melone pepino o pepino dulce, nello spagnolo dei popoli andini - è un frutto dal sapore delicato, il cui maggior pregio, dal punto di vista organolettico, è la duttilità. Si tratta infatti di un frutto dall'aroma e dal gusto tutt'altro che aggressivi, che proprio in virtù di ciò funge perfettamente da accompagnamento sia per piatti dolci (macedonie, guarnizioni per dolci) che in pietanze sapide (a partire dalle classiche insalate): in entrambi i casi, può essere impiegato come attenuatore di sapori molto forti, grazie alla freschezza, all'elevata percentuale di acqua di vegetazione e a un sapore sospeso fra cetriolo e melone, con sentori di altri frutti tropicali come l'ananas e il tamarillo.
Il pepino ha un aspetto simile a quello del melone, ma la buccia liscia e dalle caratteristiche striature violacee su base gialla-arancione lo rendono immediatamente inconfondibile. Le dimensioni sono quelle di una palla da baseball, ma la forma è ovoidale. Una volta aperto, presenta una polpa compatta dal vivace colore giallo chiaro. I semi sono alloggiati nel cuore del frutto - parzialmente cavo - lungo il nodoso filamento centrale.

Non ancora molto celebre in Italia, il pepino si sta imponendo in breve tempo come frutto dalle notevoli proprietà nutritive e terapeutiche. L'elevata presenza di potassio è uno dei fattori di maggior beneficio per la salute, grazie soprattutto al ruolo di tale minerale nella regolazione della flora intestinale e nel contrastare l'ipertensione. Tra gli altri minerali presenti, troviamo il magnesio, il calcio, il rame, il manganese e il ferro, con un apporto variabile di benefici che vanno a investire in particolare i reni, le ossa e il sistema nervoso periferico.
Il pepino è anche un discreto apportatore di vitamine e provitamine: soprattutto A - il più efficace antiossidante e anti-invecchiamento esistente in natura -, B1 - che regola il sistema nervoso e l'apporto di zuccheri -, C - che ha proprietà antiossidanti, anticongestionanti, antinfettive e antimicrobiche -, K - utile a regolare la coagulazione del sangue - e betacarotene - provitamina del gruppo A, coadiuvante nel mantenimento della salute degli occhi e della pelle -, fornite in quantità significative in cambio di un bassissimo apporto calorico, dalle 15 alle 23 calorie ogni cento grammi di frutto, a seconda del suo livello di maturazione.
Proprio quest'ultimo aspetto, unito alla significativa presenza di fibre, rende il pepino un alimento estremamente consigliato per i diabetici, gli obesi, i cardiopatici, le persone sofferenti di malattie epatiche o più in generale di disturbi all'apparato digerente. Può essere consumato lungo il perdurare di stati influenzali, e riscontrare blandi effetti decongestionanti. Infine, i composti fitochimici propri del frutto sono sotto la lente d'ingrandimento di molti ricercatori per le loro potenzialità antitumorali e per l'inibizione del colesterolo LDL (quello cosiddetto "cattivo") a vantaggio della produzione di colesterolo HDL (dagli effetti benefici).

Coltivazione e origine del melone pepino

In Sudamerica, il pepino è un frutto estremamente conosciuto. In Perù viene venduto in strada; sempre in Perù, al pari dell'Ecuador, del Cile del nord e della Bolivia, le piantagioni di pepino sono numerosissime e molto estese, soprattutto in altura, e costituiscono una non trascurabile fonte di reddito per le popolazioni contadine di questi paesi. Negli anni, il pepino si è adattato a vivere in diverse zone del pianeta, grazie a una discreta tolleranza agli sbalzi climatici e a una certa adattabilità a ogni tipo di terreno.
I legami storici tra il Perù e il Giappone hanno favorito lo sbarco del pepino nel paese del Sol Levante in un'epoca relativamente precoce. Alcuni immigrati di orgine andina, poi, hanno impiantato le loro haciendas negli Stati Uniti, in Australia e in Nuova Zelanda, favorendo l'importazione del pepino in questi paesi. Anche nell'Africa Orientale sono sorte delle piantagioni di pepino. Per quanto riguarda l'Europa, la Francia si è attrezzata da qualche anno con delle coltivazioni dedicate, mentre in Italia i "pionieri" più convinti si trovano in Sicilia.
Paesi dalle condizioni climatiche e geologiche molto diverse tra loro, a dimostrazione che il pepino è una pianta capace di acclimatarsi con estrema facilità. Tuttavia, per ottenere una fruttificazione rigogliosa e sana, è preferibile un clima caldo, temperato, privo di eccessivi picchi stagionali (troppo caldo o troppo freddo) come di ampie escursioni termiche fra il giorno e la notte. L'altura, viceversa, non rappresenta un grande problema: se adeguatamente esposto al sole, il pepino fruttifica magnificamete sino a 3.000 metri.

Valori nutrizionali e calorie

Secondo le tabelle nutrizionali più aggiornate, su 100 grammi di frutto, oltre al basso contenuto calorico - vedi sopra -, troviamo ben 147 milligrammi di potassio, una quantità prossima al quattro per cento del fabbisogno quotidiano di un adulto in buona salute. Spicca la totale assenza di grassi, mentre è significativo l'apporto di carboidrati: 4 gammi. Basso invece il contenuto di zuccheri: appena 2 grammi. Il frutto apporta anche un apprezzabile contributo proteico: 1 grammo su cento, lo stesso quantitativo delle fibre. Gli altri minerali presenti oscillano fra 0,5 e 2 grammi. Da notare come, della massa totale del frutto, circa l'85 per cento sia costituito da acqua di vegetazione.

Come usare i semi di melone pepino

La semina del pepino è relativamente semplice, in ragione della già decantata adattabilità della pianta. Addirittura, disponendo di spazio sufficiente e contenitori adeguati, la si può coltivare in vaso, avendo cura di irrigarla spesso - si tratta pur sempre di una pianta che "beve" molta acqua, dal momento che i suoi frutti ne sono ricchi - e di esporla al sole e a temperature miti. D'inverno, è opportuno proteggerla, allestendovi intorno una piccola serra, dotata di temperatura costante, ossigenazione e terreno sempre umido.
Come avviene con molti altri frutti, compreso il melone cui somiglia per molti versi, anche i semi di pepino sono edibili. Non solo: sono anche gradevoli al gusto, e la loro preparazione è tutt'altro che complicata. Detto che le popolazioni andine li consumano a crudo assieme al frutto, la preparazione più idonea è la stessa dei semi di melone, ovvero la tostatura in padella, che conferirà ai semi una gradevole croccantezza.

Visualizza il certificato di fiducia
  • Per ulteriori informazioni sulla natura della verifica delle recensioni e sulla possibilità di contattare l'autore dell'opinione, consulta le nostre CGU.
  • Non è stato fornito nessun incentivo per queste recensioni
  • Le recensioni sono pubblicate e mantenute per un periodo di 5 anni
  • Le recensioni non possono essere modificate; se un cliente vuole modificare la sua recensione, deve contattare direttamente Recensioni Verificate, per far cancellare la precedente e scriverne una nuova
  • I motivi della cancellazione di una recensione sono disponibili qui.

4.7 /5

Basato su 23 recensioni cliente

  • 1
    0
  • 2
    0
  • 3
    0
  • 4
    7
  • 5
    16
Ordina recensioni per :

Luigi P. pubblicato il 17/08/2019 in seguito ad un ordine del 07/08/2019

5/5

Belli

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

Fabio N. pubblicato il 13/05/2019 in seguito ad un ordine del 03/05/2019

4/5

discreto

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

Maria S. pubblicato il 13/04/2019 in seguito ad un ordine del 31/03/2019

5/5

Ottimo

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

Giuseppina M. pubblicato il 01/02/2019 in seguito ad un ordine del 09/01/2019

5/5

Frutto molto buono

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

Francesca C. pubblicato il 29/01/2019 in seguito ad un ordine del 22/01/2019

4/5

Sicuramente delizioso per chi apprezza il sapore, purtroppo non fa per me. Acquoso e davvero poco saporito, forse in insalata e condito con sale e olio acquista qualche punto in più.

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

Roberto B. pubblicato il 19/01/2019 in seguito ad un ordine del 16/12/2018

4/5

Arrivato interamente di colore bianco, con le classiche striature. Mantenuto a lungo, ma non è diventato giallo, anzi la buccia ha iniziato a deteriorarsi. Deciso, quindi, di mangiarlo sbucciato, ma ha evidenziato un retrogusto un po' amaro.

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

Massimo S. pubblicato il 20/11/2018 in seguito ad un ordine del 08/11/2018

5/5

molto ricco di acqua. non particolarmente dolce. buono ma non da wow.

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

Mauro L. pubblicato il 06/06/2018 in seguito ad un ordine del 25/05/2018

5/5

mi aspettavo un prodotto a me piu' confacente ma in sè è buono

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

Gabriella C. pubblicato il 15/05/2018 in seguito ad un ordine del 04/05/2018

5/5

MOLTO BUONO

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

Carla B. pubblicato il 20/04/2018 in seguito ad un ordine del 11/04/2018

5/5

Molto particolare, !!!

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

×