Cedro Mano di Buddha

Dita di Buddha fesche
  • Dita di Buddha fesche

Cedro Mano di Buddha

2 frutti
54,31 €
54,31 € al kg
Origine: Israele

Le dita di buddha sono le appendici che fanno parte di un curioso ed insolito frutto, una varietà di cedro orientale, che viene definita 'mano di buddha', tali appendici si diramano non osservando la classica forma tondeggiante del cedro classico ma formando delle vere e proprie braccia.

Quantità
done Prodotto aggiunto con successo!

Dita di Buddha: proprietà e caratteristiche

Proprietà e caratteristiche delle dita di buddha

Assolutamente commestibili, le dita di buddha posseggono numerose proprietà che apportano tangibili benefici all'organismo. Danno un valido aiuto nei casi di dieta ricostituente, aiutano nei casi di cistiti e disturbi renali, sono un valido aiuto per eliminare la cellulite e combattere le cellule adipose, favoriscono la salute dei capelli, della pelle e dei denti, sono antidolorifici naturali, aiutano la citratizzazione di piccole ferite; aiutano stomaco ed intestino a funzionare meglio; sono astringenti nei casi di  diarrea

Controindicazioni

Non esistono particolari controindicazioni derivanti dal consumo di dita di buddha tranne che il classico, saggio consiglio di non esagerare con le dosi. Discorso a parte se se ne ricava l'olio essenziale, molto forte ed efficacemente idratante ma che non va usato sui bambini e le donne in gravidanza devono evitarne altresì l'utilizzo. L'olio, poi, aumenta il fattore fotosensibilità nella pelle, se ci si sottopone ad un massaggio con olio essenziale di dita di buddha è preferibile evitare l'esposizione solare. 

Origine e coltivazione

Le origine della mano di buddha si possono collocare, senza dati certi per il periodo, parecchi secoli fa in remoti villaggi buddhisti della Cina dove, in seguito ad una crescita spontanea, la pianta venne coltivata anche per una sorta di effetto divinatorio dovuto al parallellismo con le dita del sacro Buddha e l'apparizione della pianta stessa dalla terra. Il suo arrivo in Italia si deve ai persiani e ad oggi nel meridione la coltivazione è diffusa, anche per altre varieà del cedro. Oggi continua ad essere coltivato in tutto l'oriente con notevoli risultati, non solo a scopo divinatorio vero e proprio ma viene usato anche a scopo terapeutico per curare disturbi dell'organismo, viene usato in cucina e viene largamente utilizzato in ambito cosmetico.La coltivazione della pianta è un'operazione di facile messa in opera, può avvenire sia in vaso che sul terreno, dove è preferibile. Vuole un terreno ricco, ben drenante, costanti irrigazioni senza ristagni e non gradisce il caldo, l'aria secca ma l'umidità ed una postazione ben arieggiata diventano condizioni ideali per la crescita e lo sviluppo ottimali della pianta. La semina va fatta durante i primi mesi invernali e la raccolta dei frutti avviene in primavera. Come accorgimenti particolari la potatura episodica è sicuramente da consigliare. Se si coltiva in vaso bisogna controllare le radici sdradicando periodicamente la pianta durante la crescita, se tendono a formare un intreccio troppo fitto è necessario trovare alla pianta uno spazio più grande dove continuare a stagionare.

Valori nutrizionali e calorie

La tabella nutrizionale delle dita di buddha per 100 grammi di prodotto vede un buon apporto di acqua pari a 17 grammi, carboidrati pari a 49 grammi,  fibre per 0,3 grammi, lipidi per 0,2 grammi. Tra le vitamine presenti una presenza di rilievo il loro contenuto notevole di vitamina C,  in minori quantità le vitamine del gruppo B e la vitamina E. I minerali presenti sono calcio (in ottime quantità) e sodio e potassio. L'apporto calorico, molto basso, è pari a 11 Kcal.

Utilizzi delle dita di buddha

In cucina le dita di buddha possono essere consumate da sole semplicemente sbucciandole e, consigliabile, aggiungendo un pizzico di sale per esaltarne il gusto della polpa. Possono poi andare a far parte di ricette dolci (anche utilizzandone la buccia grattugiata), possono arricchire macedonie, diventare succhi naturali o pinzimoni accattivanti assieme ad olio di oliva e spezie o condimenti per insalate. Le dita di buddha sono utilizzate nel campo estetico e cosmetico per la preparazione dell'olio essenziale, fortmente idratante e nutritivo , ma hanno anche altri utilizzi particolari:

-Portafortuna

Come per la millenaria tradizione buddista cinese, che richiama attraverso la forma di questo agrume  il divino e tutti i suoi influssi positivi per la vita, le dita di buddha, per la loro forma accattivante ed il fascino che sprigionano, possono anche essere utilizzate in occidente allo scopo di attirare influssi positivi. A casa od in macchina ad esempio, riescono a trasmettere un senso di relax e positività che accompagna per diverse ore;

-Profumo per ambienti

Le dita di buddha, una volta tagliate dalla base del frutto, sprigionano un profumo molto forte e la loro buccia, ricca di olio essenziale concentrato, è in grado di sprigionare un profumo che non passa inosservato se lo si utilizza negli ambienti di casa. Creare poi dei pout-pourri con la buccia delle dita di buddha ed altre tipologie di bucce o fiori secchi da la possibilità di dare un tocco profumato personale e particolare a qualsiasi ambiente della casa. La buccia, poi, se inserita in sacchettini di cotone, pemette profumare la biancheria l'interno dei cassetti in modo forte, fresco e rilassante;

-Elemento decorativo

Ma anche a scopo decorativo sicuramente le dita di buddha non mancano, per la creazione di un effetto che strizza l'occhio all'oriente. In un ambiente rustico ad esempio, mani di buddha appese a testa in giù o alle pareti si integrano perfettamente con l'ambiente, creano aroma, e forniscono un tocco particolare. Un vassoio con le sole dita tagliate dalla base poi, oltre che fornire fragranza, possono essere utilizzate a scopo decorativo per contribuire a creare un ambiente rilassante, antistress e votato alla calma ed al benessere senza rinunciare al buon gusto. Posto in un angolo appartato ma ben visibile, una piatto di terracotta con una mano di buddha al suo interno trasmette immediatamente un senso di serenità dall'aria quasi divinatoria.