Germogli di Ravanello Rosato Vivo Germogli

  • Prodotto al momento non disponibile
Germogli di Ravanello Rosato - 75 gr
  • Germogli di Ravanello Rosato - 75 gr

Germogli di Ravanello Rosato Vivo Germogli

50 gr
2,89 €
57,80 € al kg
Origine: Em. Romagna
Produttore: Vivo Germogli
Prodotto al momento non disponibile
I germogli di Ravanello Rosato sono ricchi di principi nutritivi come vitamine, enzimi e oligoelementi. Hanno una consistenza croccante tipica di verdura tagliata alla julienne.

I germogli si conservano bene in frigorifero a una temperatura inferiore agli 8°C per circa 10 giorni

Prodotto selezionato e spedito da Noi di FruttaWeb
Quantità
done Prodotto aggiunto con successo!

Germogli di ravanello rosato: proprietà, benefici, ricette

I ravanelli o rapanelli (Raphanus Sativus Parvus) appartengono alla famiglia delle Crucifere, una delle piante della Famiglia delle Brassicaceae che prevede numerose varietà o coltivar. La parte edibile e commestibile dei ravanelli consiste nella radice, che a seconda della varietà, può mutare tonalità cromatica, dimensione, forma e sapore. Diverse sono le forme e le dimensioni dei germogli di ravanello che è possibile reperire in commercio: piccole radici sferiche o radici bianche di oltre 30 cm di lunghezza o cuoriformi di pochi centimetri. Esistono cultivar di ravanello dal sapore dolciastro ed altre dal gusto leggermente amarognolo, come il ravanello spagnolo dal colore nero intenso, addirittura, si rinvengono ravanelli dal sapore piccante, è il caso della Candela di Fuoco. Tra le varietà più comuni dei germogli di ravanello annoveriamo: il Saxa o ravanello a radice tonda e scorza rossa, il ravanello rosso con la scorza rossa e la forma leggermente più allungata, il Burro Gigante a radice sferica rossa e con la polpa croccante e gustosa, il ravanello Lungo Candela di Ghiaccio con la polpa e scorza bianca, il ravanello Gigante Siculo adatto ai climi caldi di tonalità rossa.


Non vi è una certezza assoluta sul suo luogo di origine del ravanello, anche se fonti attendibili ritengono che siano le zone estreme dell’Oriente, la Cina e il Giappone. Il ravanello era comunque già conosciuto all’epoca degli antichi Egiziani, quando veniva mangiato dai faraoni assieme agli spicchi d’aglio; anche nel mondo greco e latino, i medici greci e latini ne apprezzavano le virtù benefiche e lo sfruttavano per calmierare la tosse, come alleato dei reni, del fegato, per facilitare la digestione e rilassare i muscoli.
Per quanto concerne la semina dei germogli di ravanello, occorre effettuarla direttamente nella terra o nell’orto dalla stagione invernale per tutta la stagione calda estiva eccetto alcune cultivar, come il ravanello nero la cui maturazione avviene in tardo autunno. A seconda della varietà di germogli che occorre seminare, si deve scegliere la stagione può adatta; se seguite le fasi lunari, allora seminate i germogli di ravanello quando la Luna è calante. Per quanto concerne il tipo di terreno, il ravanello non è molto esigente, predilige terreni irrigati esposti al sole e nelle aree geografiche caldo-temperate; può essere coltivato anche insieme ad altre colture come asparagi, zucchini, cipolle, cavoli e piselli.
Il periodo ottimale per la raccolta del ravanello va dai mesi di aprile a luglio, ma, grazie alle coltivazioni in serra, si possono rinvenire in commercio tutto l’anno. Acquistatelo e consumatelo in ogni periodo dell’anno, non solo da crudo con insalate ma anche in zuppe, minestre e come contorno per accompagnare i secondi di carne.

Tabella nutrizionale

Valori Nutrizionali - per 100g

Valore
Quantità
Energia
22 kcal
Grassi
0,58 g
Acidi grassi saturi
0,06 g
Carboidrati
0,909 g
Zuccheri
0,01 g
Proteine
3,38 g
Sale
0,10 g

I ravanelli contano solo 11 calorie ogni 100 grammi di parte edibile, per questo possono essere importanti alleati per mantenere la linea, per combattere l’obesità ed il colesterolo, adatti per una dieta ipocalorica. I germogli di ravanello sono composti per lo più di acqua, ma anche da sali minerali quali ferro, fosforo, selenio, rame e calcio, vitamine del gruppo B, vitamina C e da acido folico. Sin dall’antichità è nota la loro funzione di conciliare il sonno e calmierare l’organismo umano in periodi di stress fisico e psicologico. Ecco perché spesso e volentieri in fitoterapia, i ravanelli vengono utilizzati come rimedio naturale per calmare il sistema nervoso sotto forma di infusi e tisane, oltre che come sedativo per eliminare il catarro dalle vie respiratorie.
Come usarli in cucina

Utilizzi in cucina dei germogli di ravanello rosato

In Italia i ravanelli si consumano soprattutto in insalata o in pinzimonio, specie durante la stagione estiva quando la calura si fa sentire ed il nostro corpo necessita di idratazione. Insalata di pasta con ravanelli o insalate verdi o di patate con legumi possono contenere i ravanelli in piccole porzioni; nella cucina orientale, i ravanelli spesso e volentieri sono cotti per preparare zuppe, minestre o frittate e torte squisite di verdure. Non solo in Giappone i germi di ravanello sono impiegati per cucinare gli stufati con calamari, polipi e gamberi e per preparare il famoso sushi.
Un’idea interessante per l’impiego culinario è quella di utilizzare i germogli di ravanello da cucinare come sostituto o in combinazione alle foglie di spinacio, arricchiti ed insaporiti con ricotta o mozzarella. Oppure anche con le patate e carciofi per preparare crocchette di germogli di ravanello o risotti con soia e germogli di ravanello, conditi con verdure e frutti di mare.

Le ricette

Girelle di Zucchine Gialle, Ricotta, Speck e Germogli  di Ravanello Rosato

Ingredienti

  • 1 Zucchina Gialla di Media Grandezza;
  • 100 gr di Ricotta Vaccina;
  • 100 gr. di Speck 'Alto Adige';
  • Germogli di Ravanello;
  • Sale Fino qb
  • Pepe Nero qb

Procedimento

  1. Dopo aver lavato la zucchina ed aver eliminato la parte terminale con molta attenzione ricavare delle fette sottili, si possono realizzare tramite un'affettatrice oppure una mandolina.
  2. Adagiarle su una placca da forno e su carta assorbente, salare e coprire con altra carta assorbente. Il sale le renderà morbide come se fossero cotte. Più marinano e più saranno morbide.
  3. Condire la ricotta con sale, pepe e un goccio di olio d'oliva, mescolare bene il tutto.
  4. Dopo aver asciugato bene le fette della zucchina adagiare la ricotta sulla fetta e spalmare per tutta la lunghezza
  5. Adagiare lo speck sopra la ricotta spalmata
  6. Arrotolare la zucchina ottenendo così la vostra girella.
  7. Infilzarle su uno stecco a-due-a-due e terminare con dei germogli di ravanelli per dare maggiore sapore e colore.

Scarica

Scarica (0)
Visualizza il certificato di fiducia
  • Per ulteriori informazioni sulla natura della verifica delle recensioni e sulla possibilità di contattare l'autore dell'opinione, consulta le nostre CGU.
  • Non è stato fornito nessun incentivo per queste recensioni
  • Le recensioni sono pubblicate e mantenute per un periodo di 5 anni
  • Le recensioni non possono essere modificate; se un cliente vuole modificare la sua recensione, deve contattare direttamente Recensioni Verificate, per far cancellare la precedente e scriverne una nuova
  • I motivi della cancellazione di una recensione sono disponibili qui.

4 /5

Basato su 1 recensioni cliente

  • 1
    0
  • 2
    0
  • 3
    0
  • 4
    1
  • 5
    0
Ordina recensioni per :

Susanna S. pubblicato il 20/03/2017 in seguito ad un ordine del 08/03/2017

4/5

Non li avevo mai provati, mi sono piaciuti.

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

×