Spedizione Gratuita da 39€ con Corriere Refrigerato

Cavolfiore Viola

1 pezzo da circa 1 Kg

Puglia

Gusto e salute si combinano perfettamente nel cavolfiore viola, una rarità naturale dal sapore delicato: ricco in antociani, combatte i radicali liberi. Svolge un'azione detox depurando l'organismo e favorendo la rigenerazione delle cellule.

Prodotto al momento non disponibile

4.7 / 5 - 7 recensioni

Cavolfiore viola: proprietà, benefici, ricette

Proprietà e benefici

Il cavolfiore viola è un ortaggio mediterraneo, una variante particolarmente rara e sana del cavolfiore comune ottenuta grazie ad un incrocio tra il classico cavolo, il cavolfiore e il broccolo. Si coltiva nel Sud Italia, in particolare in Sicilia e nel Sudafrica, regioni che presentano terreni particolarmente ricchi di humus e temperature ottimali. Si presenta come un tradizionale cavolfiore ma di un colore diverso e più acceso: ha una testa viola ornata da foglie verdi e peduncoli a fiori molto grossi. Il colore viola è dato dalla presenza di antociani, una gamma di flavonoidi. La parte commestibile è l'infiorescenza ma anche i semi del cavolfiore viola sono largamente utilizzati, soprattutto in erboristeria e in omeopatia: con i semi di cavolfiore viola si realizzano infatti ottimi infusi, decotti e tisane dalle proprietà rilassanti e sedative.

Gli effetti benefici del cavolfiore viola sono garantiti dall'altissima presenza di antociani, una classe di flavonoidi che aiuta il corpo a combattere i radicali liberi. Il cavolfiore viola è anche antiossidante: interviene sui processi di invecchiamento delle cellule, ritardandone gli effetti degenerativi. In ultimo, il cavolfiore viola ha anche potere antitumorale: in particolare è stato rilevato che previene l'insorgere di neoplasie allo stomaco e all’intestino grazie alle sue proprietà depurative e lenitive e alla presenza di fibre alimentari amiche del metabolismo. Consumare cavolfiore viola significa potenziare il proprio sistema immunitario, scongiurare raffreddori e malanni di stagione, prevenire attacchi di germi e batteri.

Come il cavolfiore comune, anche il cavolfiore viola è un ortaggio decisamente light ma molto nutriente: 100 grammi di cavolfiore viola equivalgono ad appena 25 calorie e a 167 kiloJoule. Su 100 grammi di cavolfiore viola la maggior parte è composta da nutrienti, vitamine e antiossidanti. Scarsissimo l'apporto di grassi: in 100 grammi di cavolfiore viola troviamo solo 0,3 grammi di grassi, 0,1 grammi di acidi grassi saturi e nessuno apporto di acidi grassi polinsaturi, monoinsaturi, trans e colesterolo. Irrilevante anche il contenuto di sodio pari a 30 milligrammi: questo fa del cavolfiore viola un cibo adatto ai soggetti ipotesi. Altissima la presenza di potassio con 299 milligrammi, buono l'apporto di carboidrati con 5 grammi e di fibre alimentari presenti per 2 grammi: questo consente all'organismo di ritrovare una sana regolarità intestinale. Zucchero e proteine pesano soltanto per 1,9 grammi, per questo il cavolfiore viola è indicato per chi ha la glicemia alta e deve evitare alimenti molto grassi e dolci. Il cavolfiore viola è anche ricco di vitamine e sostanze nutritive: in particolare per ogni 100 grammi ci sono oltre 48 milligrammi di vitamina C, 22 milligrammi di calcio, 15 milligrammi di magnesio e 0,4 milligrammi di ferro. Il cavolfiore viola è dunque un alimento sano, adatto a soggetti che sono a dieta o che soffrono di patologie particolari come diabete, ipertensione e stitichezza.

Il cavolfiore viola reca benefici alle ossa grazie al suo apporto in termini di minerali: con calcio, magnesio e potassio previene l'osteoporosi rafforza le ossa. L'alta presenza di amminoacidi fa del cavolfiore viola un alleato per chi soffre di ipertensione arteriosa: grazie a questo ortaggio, si può tenere infatti sotto controllo la pressione. Inoltre la presenza di vitamina K, considerata un sedativo naturale, assicura un effetto relax aumentando la capacità di concentrazione e curando i disturbi da deficit dell'attenzione. Per questo motivo il cavolfiore viola è anche usato come terapia di prevenzione di alcune sindromi neurodegenerative come il morbo di Alzheimer.

Il cavolfiore viola contiene anche zolfo, perciò viene sfruttato come antisettico: aiuta la remissione da infezioni e virus e accelera il processo di guarigione da ferite e raffreddori. Infine c’è il beta-carotene, di cui il cavolfiore viola è ricco, potente antiossidante: funziona come ritardante dell'invecchiamento, in particolare contro i problemi di vista.

Coltivazione e periodo

E' un ortaggio della famiglia delle crucifere o brassicacee, cresce in ambienti freddi, su terreni fertili di tipo argilloso e ha un ciclo vitale di circa sei mesi. Il cavolfiore viola si semina tra maggio e luglio: è necessario inserire i semi ad un profondità di almeno un centimetro affinché l'ortaggio cresca. E' bene rispettare alcune distanze minime tra gli impianti: lasciate mezzo metro tra una fila e l'altra. A un mese e mezzo dalla semina, si può procedere al trapianto in piena terra: a questo punto il cavolfiore viola dovrà essere alto 20 centimetri e dovrebbero essere spuntate almeno sei foglie. L'irrigazione va messa in atto soltanto dopo il trapianto. L'ortaggio è maturo a partire dai primi freddi autunnali ma la raccolta procede fino alla primavera: il segnale della piena vigoria è il colore viola delle infiorescenze, quando lo notate il cavolfiore viola è pronto per essere raccolto e gustato. Massima attenzione nella raccolta del frutto: il cavolfiore viola non va strappato ma va tagliato il torsolo alla base.

Come cucinare il cavolfiore

Varie e diverse le ricette che possono essere eseguite con il cavolfiore, anche con quello della varietà viola.

Le ricette

Il cavolfiore viola è ottimo al forno o gratinato. E' ottimo in tanti altri modi, ma questi rappresentano due piatti semplici e sfiziosi che approfondiremo nelle sezioni sottostanti. E' ottimo sia in insalata che in piatti più corposi, sempre cotto,meglio se al vapore per mantenere inalterate le sue proprietà benefiche.

Al forno

Per cucinarlo al forno, bisogna pulirlo, lavarlo e metterlo al bollire: sono sufficienti 30 minuti per una sbollentata veloce. Facciamolo scolare e raffreddare, intanto imburriamo una teglia da forno e regoliamo la temperatura su 120 gradi. Adagiamo le rondelle di cavolfiore viola, aggiustiamo di sale e pepe e aggiungiamo spezie a nostro piacimento.

Gratinato

Per il calvolfiore viola gratinato dobbiamo seguire lo stesso procedimento ma al momento di metterlo in cottura al forno dobbiamo ricoprirlo di parmigiano a scaglie: una volta cotto, si formerà una piacevole crosticina dorata e croccante.

Valutazione Prodotti
  • Numero di recensioni : 7
  • Voto Medio : 4.7 /5
  • T. Luana
  •  il 07/03/2018
  • 5/5
Ha un sapore forse più delicato, a noi piace sottato e condito con olio evo, oppure ripassato un poco al forno con un poco di besciamella senza latte
  • T. Luana
  •  il 23/11/2017
  • 5/5
ottimo, buon sapore e buona versatilità in cucina. Non li avevo mai mangiati ed è stata una piacevole esperienza
  • T. Carlo
  •  il 24/10/2017
  • 4/5
Buono
  • D. Pasquale
  •  il 17/10/2017
  • 5/5
Ottimo
  • B. Cesare
  •  il 27/12/2016
  • 5/5
ottimo prodotto
  • P. Luciana
  •  il 30/11/2016
  • 4/5
Mi sembra che sappia di poco ma d'altra parte anche il cavolfiore comune
  • P. Alessandra
  •  il 12/04/2016
  • 5/5
buono e fresco

Cosa pensano di noi i nostri clienti